Spese “pazze” all’Ars. Giulia Adamo: “Ho agito in buona fede, chiederò l’assoluzione”

 “Finalmente siamo giunti alle battute finali di un annoso processo (si procede per fatti che vanno dal 2008 ai primi del 2012). L’iniziale accusa è stata nel tempo ridimensionata, anche con l’intervento della Corte di Cassazione che ha sancito che in Sicilia all’epoca non vi era alcun obbligo di rendicontare le spese dei Gruppi”. E’ quanto dichiara Giulia Adamo, ex deputato regionale ed ex sindaco di Marsala in merito alla richiesta di condanna a 3 anni e 10 mesi per la vicenda delle “spese pazze” all’Ars. 
“Il P.M. ha richiesto la mia condanna per poco più di € 10.000,00, spesi nell’arco di cinque anni. La mia difesa (avv. Luigi Cassata) ha invece, documentalmente dimostrato che nello stesso periodo io avrei potuto legittimamente disporre di € 141.743,71 a titolo di indennità di presidente del gruppo. Tali somme – continua Adamo – non sono state da me utilizzate. Ancora oggi non capisco di cosa mi …




Leggi la notizia completa