Il giudice arrestato: favoriva l’avvocatessa in cambio di sesso. La storia

 Favori e prestazioni sessuali per garantire un esito favorevole dei procedimenti giudiziari o la promozione agli esami di Stato per diventare avvocato. Ma anche regalie di altro genere come barche, battute di caccia, soggiorni in luoghi di lusso, o corsie preferenziali per visite mediche per familiari e amici.

È lo spaccato che emerge dall’inchiesta della procura di Potenza che ha portato all’arresto (in carcere) di Emilio Arnesano, pm della procura di Lecce accusato di corruzione in atti giudiziari e abuso d’ufficio. In carcere è finito anche il dirigente dell’Asl di Lecce, Carlo Siciliano. Ai domiciliari, Ottavio Narracci, direttore generale dell’Asl di Lecce, i due dirigenti Asl Giorgio Trianni e Giuseppe Rollo e l’avvocatessa Benedetta Martina. Le indagini portate avanti dalla guardia di finanza e iniziate dal dissequestro di una piscina abusiva nella villa di Trianni, sono durate quattro mesi durante i quali è emerso …




Leggi la notizia completa