Cugino di Matteo Messina Denaro condannato per bancarotta fraudolenta

 E’ stata una pena più severa di quella invocata dal pm Volpe quella che il Tribunale di Marsala (presidente del collegio: Vito Marcello Saladino) ha inflitto, per bancarotta fraudolenta patrimoniale, a Mario Messina Denaro, 65 anni, cugino del boss latitante di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro.
La pena inflitta è stata tre anni e 8 mesi di carcere. Il pm aveva chiesto tre anni. Anche per la moglie del cugino del “padrino” di Castelvetrano, Benvenuta Anna Maria Forte, di 66 anni.
In questo caso, la condanna è stata esattamente quella chiesta dal rappresentante della pubblica accusa. I due coniugi sono stati, invece, assolti (“perché il fatto non sussiste”) dall’accusa meno grave: bancarotta fraudolenta documentale. Per i due imputati anche una serie di pene accessorie (pagamento spese processuali e interdizione per 5 anni dall’esercizio di impresa commerciale). Secondo l’accusa, i due coniugi (la moglie in qualità di legale rappresentante della ditta individuale “ …




Leggi la notizia completa