L’Ars va in ferie. La lunga vacanza della politica siciliana

 E’ la settimana di ferragosto, la politica va in ferie. L’ARS ha chiuso i battenti già qualche giorno fa, le sedute riprenderanno a settembre. Il parlamento regionale ha lavorato in questi mesi con il passo di una lumaca, sedute di pochi minuti.
Il governo Musumeci ha dovuto affrontare una serie di emergenze, tra rifiuti, crisi idrica e sistemi aeroportuali c’è stato il tempo di perfezionare e approvare la Rete Ospedaliera dell’assessore al ramo, Ruggero Razza. Nello Musumeci e Roberto Lagalla, assessore all’Istruzione e alla Formazione professionale, adesso devono fronteggiare la grave e persistente crisi del settore.

Il Governatore della Regione ha scritto al Ministro Luigi Di Maio, ha chiesto l’istituzione di un tavolo tecnico per fronteggiare la ricollocazione occupazionale dei lavoratori della Formazione e dei cosiddetti sportellisti. La Sicilia chiede aiuto a Roma, la vertenza dovrebbe essere sbrogliata dal Ministro Di Maio. Il giudizio su questo governo regionale, targato centro …




Leggi la notizia completa