Marsala, il caso della coop Sole e del centro di San Michele Rifugio. Cordaro condannato

Cinque mesi di reclusione sono stati inflitti dal giudice monocratico di Marsala Sara Quittino a Roberto Cordaro, genero di Michele Licata, per falso in una dichiarazione.
Il pm Antonella Trainito aveva chiesto un anno. Secondo l’accusa, Cordaro ha omesso di dichiarare di essere indagato, nell’ambito di un procedimento che adesso lo vede sotto processo per ricettazione e auto-riciclaggio insieme al suocero e ad altri familiari, nella dichiarazione resa al Comune di Marsala per l’assegnazione alla cooperativa sociale “Sole” di una ex scuola elementare, quella di contrada San Michele Rifugio, da trasformare in centro di accoglienza per giovani migranti.
A difendere Cordaro sono stati gli avvocati Andrea e Stefano Pellegrino che preannunciano appello alla sentenza. “Essere indagato – dicono i legali – non era ostativo per l’assegnazione dell’immobile”. L’inchiesta, poi sfociata nel processo e adesso nella condanna di primo grado, è partita da un articolo di Tp24. …




Leggi la notizia completa