Belice.it

Perricone: “Essere nati a Castelvetrano è una colpa..”

 Il primo maggio dovrebbe essere una giornata di festa per il lavoro e per i lavoratori.   Un giorno intero dedicato al lavoro con sfilate di carri , di liberi cittadini e di categorie di lavoratori associati alle sigle sindacali. Ormai a Castelvetrano non è più cosi. Molti si ricorderanno che agricoltori sfliavano con mezzi agricoli adornati a festa. Oggi a Castelvetrano, tutto questo è un lontano ricordo. Vi è poco da festeggiare. La città attraversa una delle crisi economiche più acute dal dopo guerra ad oggi. La recessione si taglia con il coltello . Molte famiglie sono afflitte dall’incertezza lavorativa e dalla mancanza di una possibile soluzione ai loro problemi economici. Negli ultimi anni, a Castelvetrano, come in altri comuni dell’Isola, si sono persi migliaia di posti di lavoro. Sono tantissimi i giovani che son andati via. Questo primo maggio, come i precedenti degli ultimi anni non può che essere …




Leggi la notizia completa