Carabiniere si suicida dopo avere sparato alla moglie ed ucciso le figlie

REDAZIONE, 28 FEB – Tragedia familiare questa mattina a Cisterna di Latina dove un appuntato scelto dei carabinieri ha prima sparato alla moglie, ferendola gravemente, nel garage dell’abitazione dove viveva la donna da cui si stava separando, poi si è barricato in casa e, dopo aver ucciso le figlie di 7 e 13 anni, si è tolto la vita.
L’uomo, Luigi Capasso, 43 anni, ha colpito la moglie, Antonietta Gargiulo, 39 anni, con la pistola d’ordinanza. I proiettili l’hanno raggiunta alla mandibola, alla scapola e all’addome. Ora è ricoverata al San Camillo di Roma ed è in pericolo di vita.
LE INDAGINI – Sono in corso gli accertamenti dei carabinieri per ricostruire l’esatta dinamica della tragedia. E’ ancora da chiarire, in particolare, quando le bambine siano state uccise dal padre: gli investigatori sono al lavoro per capire se le figlie siano state colpite subito dopo la moglie. E’ questa l’ipotesi …




Leggi la notizia completa