Mafia e appalti a Castelvetrano, chiesti dodici anni per Rosario Firenze

 I pm della Dda di Palermo Francesco Grassi e Carlo Marzella hanno chiesto la condanna a 12 anni dell’imprenditore Rosario Firenze, accusato di associazione mafiosa, fittizia intestazione di beni e turbata libertà degli incanti.
Chiesti 3 anni per il geometra Salvatore Sciacca e 2 per quattro imprenditori Giacomo Calcara, Benedetto Cusumano, Fedele D’Alberti e Filippo Tolomeo accusati di turbativa d’asta.
Il processo si celebra, in abbreviato, davanti al gup Roberto Riggio. Firenze e Sciacca furono arrestati nell’operazione antimafia denominata “Ebano”. L’inchiesta che portò agli arresti ruotava attorno alla illecita gestione degli appalti che sarebbero stati pilotati, secondo gli inquirenti, dalla cosca mafiosa di Castelvetrano, paese d’origine del boss latitante Matteo Messina Denaro. Saro Firenze è stato indicato dal collaboratore di giustizia e cugino di Messina Denaro Lorenzo Cimarosa, poi deceduto, come vicino alla “famiglia” Messina Denaro.
IMPASTATO.  La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo ha …




Leggi la notizia completa