Marsala, traffico di rifiuti, smaltimento e truffa. Tutti i guai della Sicilfert

Sembrano non voler terminare i guai della Sicilfert, l’azienda marsalese che si occupa della lavorazione dei rifiuti. Dalla scorsa settimana al centro di un’indagine giudiziaria che stavolta orbita intorno alla ‘ndrangheta. La scorsa settimana, infatti, la ditta che da anni si occupa di compostaggio dei rifiuti e produzione di fertilizzanti è rimasta coinvolta nell’operazione “Metauros” disposta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria.
I poliziotti hanno fermato sette persone, ritenute responsabili dei delitti di associazione mafiosa (cosca Piromalli), concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione e intestazione fittizia di beni, ed è stato emesso un decreto di sequestro preventivo d’urgenza relativo alle quote azionarie di società operanti nel settore della depurazione e trattamento delle acque, trasporto e compostaggio dei rifiuti speciali non pericolosi. Tra queste società c’è anche la Sicilfert, alla quale sono state sequestate le quote societarie ma non l’impianto, che continua ad essere operativo. La Sicilfert …




Leggi la notizia completa