Assolto dal reato di concorso esterno alla mafia, parla Raffaele Lombardo: “E’ la fine di un incubo”

“Per me è finito un incubo. Non ho mai avuto niente a che fare con la mafia e la sentenza di assoluzione dal concorso esterno, perché il fatto non sussiste, lo conferma. Leggeremo le motivazioni della sentenza e sono sicuro che riuscirò a dimostrare la mia innocenza anche per il reato elettorale”. Lo afferma l’ex presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, commentando la sentenza della Corte d’appello di Catania.

“Ho dichiarato più volte durante il dibattimento e lo ribadisco con una punta di immodestia – aggiunge – nessun governo della Regione ha nuociuto agli interessi della mafia come quello che ho avuto l’onore di presiedere. Sono contento più che per me, per i miei familiari e per le persone a me vicine, a cominciare dai miei difensori che si sono battuti per me”.




Leggi la notizia completa