Dimmi come ti vesti (o come arredi casa) e ti dico quanto sei kitsch… (FOTO)

Kitsch. In italiano suonerebbe “pacchiano”. Ma kitsch è più figo, volete mettere? Oggi il kitsch imperversa in tutti i settori: moda, arredamento, cinema, teatro, insomma ovunque.
Qualsiasi cosa prima definissimo “pacchiana”, di cattivo gusto, un intruglio, un’accozzaglia di elementi che si bisticciano fra loro, adesso è assolutamente “kitsch”.
Ci si giustifica, definendosi kitsch. Se per esempio domani mattina non trovassi fra la biancheria pulita il mio fantastico sempiterno tubino di lana nero, ma un pantalone fresco di lana a quadretti giallo, una maglia di cotone verde pisello e l’accoppiassi con un bel cappotto rosso ed una sciarpa rosa shock, non verrei considerata inelegante oppure una pazza daltonica, bensì una donna che veste kitsch, quindi originale. E non solo…farei pure tendenza! Poco ci manca che la figlia della vicina di casa mi copi l’indomani…
Kitsch spesso viene accomunato ad un altro termine “trash”, ma sono due cose un po’ diverse. …




Leggi la notizia completa