Pedofilo 57enne arrestato mentre abusava di una bimba

L’uomo lavorava in una scuola materna di Roma 

ROMA, 29 OTT. (askanews) – Un peodiflo di 57 anni (G. S., di Tivoli) è stato arrestato dalla polizia in flagranza di reato per violenza sessuale aggravata nei confronti di una bambina. Le condotte dell’arrestato – spiega una nota della Questura di Roma -, collaboratore scolastico di una scuola materna comunale della Capitale erano state segnalate da alcuni genitori, i quali si erano presentati presso la quarta sezione della Squadra Mobile, specializzata in reati sessuali, contro le donne, i minori e le fasce vulnerabili, per raccontare quanto appreso dalle loro figlie di quattro anni.
Grazie a tali segnalazioni, era stato iscritto un procedimento penale presso la locale Procura che, in sinergia e grazie all’operato degli investigatori, aveva fatto monitorare la scuola con appositi servizi, decidendo poi di installare un sistema di intercettazione audio-video nel locale in cui sarebbero avvenuti gli abusi. Le bambine avevano manifestato il loro fastidio per i palpeggiamenti e le attenzioni sessualmente connotate dell’indagato. L’attività – prosegue il comunicato della Questura di Roma – è stata particolarmente complessa sia per la natura dei fatti sia per le difficoltà investigative, dovute alla tenera età dei minori coinvolti e alla delicatezza della materia trattata.
Nell’ambito dei reati sessuali, infatti, risulta complicato predisporre strumenti investigativi mirati a interrompere la consumazione del reato nel più breve tempo possibile e, al contempo, acquisire utili elementi di prova, tenendo in considerazione la strategia dell’indagato, tesa a carpire con l’inganno la fiducia della vittima, facendole credere che gli atti sessuali altro non sono che innocenti manifestazioni di giochi affettuosi. Ieri, attraverso le immagini riprese, la polizia ha avuto modo di sorprendere il G.S. nell’atto di abusare di una delle minori. Sono tuttora in corso indagini atte a verificare l’eventuale commissione di altri fatti delittuosi.




Leggi la notizia completa