Trapani, la Resais Spa dovrà restituire al Comune le somme rimborsate ad Abbruscato

 Il Tribunale di Palermo ha stabilito che la Società Resais S.p.A., Ente regionale che ha lo scopo sociale  di porre i propri dipendenti a disposizione delle pubbliche amministrazioni dovrà restituire al Comune di Trapani la somma di € 91.318,35, oltre gli interessi legali e onorari. E’ stato accertato che la società, in ragione della sua sostanziale natura di ente pubblico, ha indebitamente percepito dall’Amministrazione Comunale i rimborsi per i permessi di lavoro retribuiti fruiti dal Consigliere comunale Vincenzo Abbruscato, dipendente della società medesima, per svolgere le proprie funzioni pubbliche in favore della Città di Trapani, e ciò in quanto tali rimborsi sono dovuti esclusivamente ai datori di lavoro privati.
 Gli Avvocati Carmela Santangelo e Francesco Paolo Di Trapani, dell’avvocatura comunale, che hanno curato il contenzioso nell’interesse dell’Ente, avevano proposto domanda di restituzione per una somma superiore, pari ad € 211.372,01, corrispondenti a versamenti effettuati dal 2005 al 2012. Il Tribunale del capoluogo ha ritenuto, invece, che dovessero essere restituite soltanto le somme versate dal Comune di Trapani a decorrere dall’anno 2010, anno in cui è stato predisposto dall’Istat il primo elenco delle PP.AA., in cui risulta contemplata la società Resais S.p.A.
In ogni caso, tale decisione è un inedito e importantissimo precedente, in quanto permetterà al Comune di Trapani e a tutti gli EE.LL., con Consiglieri Comunali di provenienza RESAIS, un considerevole risparmio di spesa.
Sulla sentenza Resais è intervenuto il consigliere Abbruscato che esprime così la sua soddifazione: “Esprimo soddisfazione circa la sentenza Resais/Comune di Trapani e preciso che il sottoscritto, è soggetto passivo ed oggetto del contendere e, voglio essere estremamente chiaro su questo punto, ne apprezza realmente e con forza l’esito positivo per il nostro Comune.
Anzi, per essere ancora più esplicito, invito l’amministrazione comunale ad opporre appello alla sentenza e di richiedere anche la restituzione delle somme indebitamente erogate per il periodo 2006/2009. Voglio anche sottolineare, per coloro che lo avessero dimenticato, che quando il Comune di Trapani interruppe i rimborsi alla Resais per le mie assenze dal lavoro connesse al mandato elettorale, seguendo una ottima decisione dell’allora dirigente dottor Francesco Guarano, fui il primo ad apprezzare l’iniziativa.  Va detto anche che, all’epoca dei fatti, ero all’oscuro di tale procedura che, tra l’altro, non mi portava vantaggi personali prima, ne mi danneggia adesso.  L’unica cosa che conta è che il Comune ha recuperato al momento circa 100 mila euro che potranno essere utilizzati a favore della cittadinanza ed esorto gli uffici a pretendere la restituzione dei rimborsi erogati e, preciso ancora, non dovuti”.  




Leggi la notizia completa