Petrosino, proclamato il primo Bio-Distretto in Sicilia


“Simposio del Biologico”: conclusa con successo la manifestazione organizzata dal Comune di Petrosino in occasione della proclamazione del primo Bio-Distretto in Sicilia – Protagonisti ben 19 Comuni della Provincia di Trapani, che ieri sera hanno firmato lo Statuto ufficiale

PETROSINO, 31 MAG –  “Biodistretto – Terra degli Elimi” è il nome ufficiale del progetto realizzato da ben 19 Comuni della Provincia di Trapani, di cui Petrosino è il Comune capofila. “Una rete di territori – ha dichiarato l’assessore del Comune di Petrosino, Luca Badalucco – che mirano a portare avanti un’agricoltura sostenibile, ecocompatibile e integrata, che oltre a produrre alimenti e prodotti agricoli sia rispettosa dell’ambiente, contribuendo a migliorare la qualità della vita sia degli agricoltori che dell’intera società”.
A suggellare l’accordo tra i Comuni aderenti al progetto, ieri sera, all’interno di un concerto eseguito dall’orchestra di fiati del Conservatorio “Scontrino” di Trapani, tutti i Sindaci dei Comuni che fanno parte del Bio-Distretto hanno firmato lo Statuto ufficiale che di fatto apre le porte ad una collaborazione attiva per dar vita ad un piano di sviluppo economico e sostenibile per la tutela dell’agricoltura e del paesaggio come elemento distintivo della nostra identità. Tutti i Comuni aderenti entreranno a far parte di un circuito che permetterà loro di mettere in rete le risorse culturali, naturali e produttive per la salvaguardia dell’ambiente e delle produzioni locali e per la valorizzazione della genuinità dei prodotti agroalimentari, vitivinicoli e delle bellezze naturali, progettando il futuro del nostro territorio e dei suoi cittadini in modo illuminato, puntando sull’ecosostenibilità e sulla tutela del patrimonio ambientale e storico e culturale.
Il Comune di Petrosino ha organizzato una tre giorni, dal titolo “Simposio del Biologico”, completamente dedicata al tema del Bio con convegni, incontri e visite guidate in aziende che producono prodotti biologici, insieme a sei delegazioni estere, che hanno portato un importante contributo alla manifestazione raccontando le esperienze dei Paesi di provenienza, in cui il Biodistretto è una realtà solida e vincente.
“L’agricoltura sostenibile persegue tanti obiettivi – continua l’assessore Badalucco -, tra cui: reddito equo per l’agricoltura, tutela della salute dell’operatore agricolo e del consumatore, conservazione e tutela della fertilità del suolo, conservazione delle risorse ambientali, rispetto della biodiversità. Bisogna puntare al miglioramento della sicurezza alimentare e per fare ciò si deve partire dall’educazione alimentare nelle scuole, promuovere le nuove tecnologie adottando incentivi economici per le aziende che decidono di convertire la propria produzione in produzione biologica, creando occupazione e nello stesso tempo proteggendo le risorse naturali dei nostri territori e l’ambiente in generale”.
[redazione]

Leggi la notizia completa